ASHRAM

Cos’è un Ashram.

Luogo di ritiro e di silenzio interiore dove fare esperienza di sé e approfondire la conoscenza delle tematiche legate alla crescita personale, alla meditazione e allo yoga. Ecco l’Ashram.

Luogo di riposo: questo il significato del termine “Ashrama”, da cui deriva Ashram. Secondo i precetti del Mahabharata, il testo sacro della tradizione Vedica indiana, Ashrama erano le quattro fasi della vita di ogni uomo che volesse sviluppare anche la sua parte spirituale, e gli Ashram sono i luoghi in cui queste fasi si espletavano.

Ashram è un luogo fisico circoscritto, presente sul territorio, in cui dedicarsi alla meditazione e alla preghiera, al servizio della comunità che fa parte dell’Ashram e in cui esercitare se stessi nella pratica spirituale.

ASHRAM-luogo-di-meditazione-spirituale-per-il-benessere-interioreStrettamente legato alla pratica della meditazione e dello yoga, elementi essenziali per il raggiungimento di stati spirituali elevati, l’Ashram è un luogo di semplicità di vita e di rituali.

Si organizza intorno a spazi dedicati alla pratica delle Asana, le posizioni dello yoga, a locali per la meditazione e ad altri luoghi protetti in cui condividere i pasti e il riposo. In India ci sono molti Ashram, tanto quanto in Occidente esistono tanti conventi e luoghi di ritiro spirituali.

Ciascun Ashram si rifà a regole e tradizioni spirituali proprie e varie, così come sono varie le confessioni religiose e filosofiche indiane. Esistono Ashram induisti, buddisti, Ashram in cui si pratica yoga e altri in cui si studiano i testi sacri tradizionali.

L’Ashram è solitamente luogo semplice, silenzioso, un edificio situato a contatto con la natura, con delle regole basilari, al cui interno sia agevolata la concentrazione e il raccoglimento. Scopo dell’Ashram è “l’esercizio di sé”, inteso come ricerca della propria essenza tramite un cammino spirituale o semplicemente grazie alla pratica delle tecniche di meditazione e di yoga.

Per chi intende approfondire la ricerca dal punto di vista spirituale, esistono Ashram che sono vere e proprio scuole intensive dove, insieme alla cultura tradizionale, viene accostata una pratica costante dei precetti insegnati.

In un Ashram possono essere presenti uno o più maestri, che insegnano la pratica a chi è più indietro di loro sul percorso spirituale, ma che a loro volta continuano a studiare, senza ergersi a sommi guru incontrovertibili: i maestri hanno il compito di indicare la strada che hanno percorso, e di dare gli strumenti adatti per percorrerla.

Solitamente il silenzio è una delle regole basilari, quantomeno negli spazi adibiti alla pratica: nel silenzio, infatti, è possibile prestare attenzione a sé e al proprio panorama mentale, fisico ed emotivo, e sono possibili lo studio approfondito e la concentrazione.

Altro precetto da rispettare è la semplicità: nel cibo, nel vestire, nel comportarsi. I cellulari e i libri che non riguardano la pratica non sono ammessi, i contatti con l’esterno il più possibile limitati. É altresì essenziale il rispetto dell’ambiente e degli spazi comuni, nonché di tutti quanti i presenti nell’Ashram.

Contribuire alla pulizia dei locali, alla preparazione del cibo, al servizio della comunità che in quel momento sta condividendo l’esperienza sono aspetti essenziali di un Ashram e concorrono alla formazione spirituale di chi vi entra.

Sono escluse dall’Ashram tutte le distrazioni: bevande o sostanze eccitanti, alcolici e fumo, droghe.

Anche l’alimentazione è semplice e vegetariana: questo non in un’ottica di purificare gli organi e moderare gli appetiti derivanti da un’alimentazione troppo spesso poco naturale, eliminando anche in questo caso la distrazione e la compensazione che spesso nascondono alcuni cibi.

Anche in Italia esistono numerosi Ashram dove si insegnano yoga e meditazione e dove vengono organizzati ritiri di singole giornate o settimane, incontri tematici di più breve durata e divulgativi: il tutto nell’obiettivo di coltivare la parte più sottile ed eterea della propria vita, quella spirituale.

Articolo scritto dalla Dott.ssa Dorella Pierini

Se vuoi puoi collaborare con noi redigendo un articolo da pubblicare in questa sezione